Ultima

Disgrazia, couloir dell’Insubordinato

Disgrazia Insubordinato

Albeggia sul canalone della Vergine

10 aprile 014

La prima ascensione di questo sperduto couloir venne effettuata da R. Casarotto, C. Mauri, A. Gogna, G.P. Federico, L. Mario e L. Molin il 7 settembre 1979 durante uno dei moduli del corso di formazione delle guide alpine che quell’anno si svolse proprio al cospetto del Disgrazia.
Questo remoto e bellissimo canale incastonato tra le rocce del Disgrazia sarà pur corto ma il lungo avvicinamento e l’esposta e delicata cresta che conduce all’anticima del Disgrazia non scherzano affatto, l’ambiente è davvero severo, oltretutto la terminale può non essere proprio una passeggiata: attualmente un bel meringone strapiombante costringe ad un tiro su roccia non banale, poi però nel couloir ghiaccio e neve pressa che è una goduria. Nonostante il vento incessante, lo spindrift e gli acciacchi una bella galoppata con due “sacramenti” di bergamaschi. Dislivello: 300 m Difficoltà: M4 e 75°

Disgrazia InsubordinatoCambio di assetto nei pressi della Punta Kennedy

Disgrazia InsubordinatoVerso la terminale

Disgrazia Insubordinato
Gabriele sul tiro di M4

Disgrazia Insubordinato

Disgrazia Insubordinato
Splendido ghiaccio sui 75° costanti

Disgrazia Insubordinato
Si traversa verso il canale finale, 65° costanti

Disgrazia Insubordinato

Disgrazia Insubordinato

Disgrazia Insubordinato

Annunci

Bernina, Direttissima

Bernina Direttissima

6 aprile 014

Si tratta dell’unione delle due vie salite da Alfredo Corti rispettivamente nel 1914 con Bruno Sala e nel 1922 con Cesare Folatti e Augusto Bonola. La prima discesa in sci è stata compiuta dal mitico Bianco Lenatti.
Bellissima salita di difficoltà classiche perfetta per l’accoppiata scialpinismo/via di ghiaccio, il programma era quello di sciare la parete ma l’innevamento nella parte alta non era dei migliori con diverse rocce affioranti, ottime invece le condizioni per la sola salita. La terminale faceva davvero paura in certi punti e dopo un bel voletto nel suo grembo con qualche escoriazione e livido, siamo passati completamente a sinistra sull’unico ponticello nevoso.  Dislivello: 500 m  Difficoltà: D- 60°

Bernina Direttissima

Jack e Pie nella parte bassa

Bernina Direttissima

Gerry all’attacco dell’imbuto finale

Bernina Direttissima

Bernina Direttissima

Bernina Direttissima

Si sbuca in cresta a pochi metri dalla vetta italiana

Bernina Direttissima

Bernina summit

Bernina Direttissima

La cresta che collega la vetta italiana a quella svizzera

Bernina Direttissima

Cima Tosa, canalone Neri

DSC_0263

17 marzo 014

Prima salita V. Neri il 21 luglio 1929 in solitaria, prima discesa in sci H. Holzer e A.Tscholl il 21 giugno 1970. Una mattinata fantastica in Brenta sul canale più famoso delle Dolomiti in condizioni spettacolari e senza incontrare anima viva. Innevamento perfetto sia per la salita che per la discesa in sci, si scia sia a destra che a sinistra del ginocchio senza problemi. In giornata con partenza da Sant’Antonio di Mavignola. Dislivello: 2.000 m (900 m per il solo canale)

P1050714

Il ginocchio quasi completamente coperto

P1050728

P1050731

P1050735

P1050736

P1050739

Lorenzhorn

Splendida gitarella vicino a mete più affollate ma lontano dalla ressa. Cresta expo per raggiungere la vetta, dislivello, ripellate, bella neve e cielo blu: giornata perfetta in terra elvetica.

Sul Fanellgletscher(9) copia

 

Grignone, Magic Line

P1050533

11 gennaio 014

Prima salita B. Balatti e M. Poletti il 13 dicembre 2003. Una linea magica nel cuore della parete Ovest del Grignone, complimenti a Benigno Balatti per aver scovato questa perla sulle montagne di casa; una linea davvero divertente con alcuni passaggi delicati in ambiente spettacolare. Il tratto più bello ed estetico della via è il nastro ghiacciato che da accesso alle ripide placche finali, una sorta di diedro con ghiaccio effimero e poco proteggibile ma davvero una figata da scalare.  Dislivello: 400 m  Difficoltà: 90° e III in roccia 

IMG_6405

L’infido traverso dopo il candelino iniziale

IMG_6419

Sosta alla base del nastro ghiacciato

IMG_6429

In uscita dal bellissimo tiro del nastro

P1050530

Le ripide placche finali

P1050546